To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Volontari migranti richiedenti asilo politico

  • YouTube Social  Icon

Video

MOTIVAZIONE :

La nostra onlus è nata con lo scopo (art.4 statuto) di sensibilizzare i cittadini alla partecipazione attiva, ovvero nel farsi carico ognuno di noi del buon funzionamento della comunità. Partendo dalla scuola come fabbrica di cultura.

Questo progetto nasce dal bisogno nostro e non dei richiedenti asilo di integrazione e conoscenza, perchè questa è la base dell'umanesimo che vogliamo costruire.

Su invito della Prefettura abbiamo progettato il tutto.

 

IL NOME DEL PROGETTO:

L'esperanto è una lingua vivente, nata nel 1887 per iniziativa del medico polacco Ludovico Lazzaro Zamenhof, dal quale indirettamente prende il nome (lingvo internacia de Doktoro esperanto = lingua internazionale del Dottore che spera). La finalità dell'esperanto non è quella di sostituire le lingue nazionali (al contrario, gli esperantisti sono tra i più convinti difensori del valore della diversità delle culture, e sostenitori della pari dignità di tutte le lingue: si veda, ad esempio, l'attività del Comitato “Allarme lingua” per la difesa della lingua e cultura italiana); l'esperanto si propone, invece, di fornire uno strumento agevole e non discriminatorio per la comprensione reciproca a livello internazionale.
Nato da un ideale di pace, collaborazione e intercomprensione tra gli uomini, l'esperanto si pone al di sopra di ogni differenza etnica, politica, religiosa, e - proprio perché lingua propria di nessuna nazione e insieme accessibile a tutti su una base di uguaglianza - tutela contro il predominio culturale ed economico dei più forti e contro i rischi di una visione monoculturale del mondo. 

 

SCOPO:

In questo momento storico è necessario operare e agire per superare le incomprensioni e le paure.

Affiancare dei volontari migranti ai nostri dipendenti e volontari servirà a far conoscere e comprendere l'utilità di questo progetto e dell'impegno.